Benvenuti sul sito ufficiale dell'Archeoclub di Nola

"Luigi Vecchione"

La mitria del prelato

La mitria del prelato

La mitria in argento inciso, cesellato e dorato, con parti a fusione; perline di fiume; grani di vetro colorato; pietre preziose e semipreziose; smalti trasparenti cloisonnés; e smalti traslucidi; smalti opachi champlevés; su un supporto di seta avorio foderato all’interno di tela proviene dal tesoro dell'antica cattedrale di Nola ed è oggi parte della collezione dell’oreficeria sacra del Museo Diocesano.
(Prosegue in Home Page)

ARGENTO - L'anello del prelato (XV Secolo)

ARGENTO - L'anello del prelato (XV Secolo)

Venerdì 22 gennaio 2016 presso il museo storico archeologico di Nola in via Sen. Cocozza, si è tenuta la presentazione dell'anello del prelato (XV secolo), cui ha fatto seguito "Le creazioni di Vincenzo Oste (Orefice)". La presentazione è stata introdotta dal nostro presidente Flora A. Nappi Ambrosio. Sono intervenuti Tonia Solpietro (Resp. Uff. Beni Culturali Diocesi Nola), Don Lino d'Onofrio (Vicario della Diocesi), Vincenzo Oste (Orafo-scultore) ed Eduardo Alamaro (Storico delle Arti Applicate)

San Paolino di Nola

San Paolino di Nola

Calendario Istituzionale 2016, icona del mese di Giugno, che mostra San Paolino. Particolare estratto dalla Mitria del Prelato in argento inciso, cesellato e dorato con parti a fusione.

maxresdefault

Ridiamo vita all’Anfiteatro di Nola

Nella serata di ieri, 27 gennaio 2017, presso la sede del Seminario Vescovile di Nola si è svolta la presentazione del progetto “Ridiamo vita all’Anfiteatro di Nola”, nell’ambito della raccolta fondi organizzata dall’Archeoclub. Sono intervenuti il sindaco di Nola Geremia Biancardi e il vicario generale della Diocesi di Nola don Lino D’Onofrio in occasione della presentazione del

museonola-400x260

Progetto Studenti Ciceroni

Vi informiamo che Domenica 18 Dicembre 2016 negli orari 9:30-12:30 e 15-18 il progetto “Studenti Ciceroni” anno 2017 esordirà con la Scuola Elementare Tommaso Vitale di Nola. La partecipazione di alunni delle elementari nella veste di guide ha richiesto particolare impegno, ma riteniamo che all’ educazione culturale ed alla conoscenza dei beni del nostro territorio

anfiteatro

L’iniziativa dell’Archeoclub su Zon.it

L’iniziativa dell’Archeoclub di Nola, in collaborazione con l’IFIR e la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Campania, per la ripresa degli scavi all’Anfiteatro Romano di Nola non è sfuggita alla cronaca locale, con un articolo di Francesco Napolitano su Zon.it. Di seguito il link all’articolo: http://napoli.zon.it/anfiteatro-romano-nola-ripartono-scavi/

anfiteatro

AMPHITHEATRUM PROMOTION PROJECT 2016

La Soprintendenza Archeologia della Campania e l’Archeoclub d’Italia — sez. di Nola organizzano un campus estivo per promuovere la conoscenza dell’anfiteatro romano di Nola. Compiti e responsabilità dell’organizzazione sono regolati da una convenzione siglata ad hoc tra la Soprintendenza Archeologia della Campania e l’Archeoclub di Nola con il contributo finanziario dell’IFIL, mentre il Ristorante La

IMG_3219r

Premiazioni studenti Ciceroni 2016

Si è svolta presso il museo archeologico di Nola la premiazione dei vincitori del progetto studenti Ciceroni. Dopo i saluti di rito del direttore del Museo, dott. Giacomo Franzese, e del Presidente dell’Archeoclub, la prof.ssa Flora Nappi, l’incontro ha visto gli interventi del funzionario della Soprintendenza Archeologica della Campania dott. Mario Cesarano, del deputato alla

IMG_3210r

Madre, sorella, sposa e …

Un’interessante viaggio tra le mille sfaccettature e peculiarità del gentil sesso, di cui Lello Russo ne è stata la voce narrante. La sua voce poliedrica ha incantato la platea con diversi canzoni e poesie tratte perlopiù dai grandi autori della tradizione popolare napoletana: Pino Daniele, Raffaele Viviani, Roberto De Simone, Eduardo per citarne alcuni. Lello Russo per l’occasione

2

Palazzo Zevallos Stigliano

Sorge nel cuore di Napoli , in via Toledo, definita da Stendhal la strada più popolosa e allegra del mondo. Fu edificato a partire dal 1635 su commissione di Giovanni Zevallos, ricco mercante spagnolo. Nel 1653, fu venduto a Giovanni Vandeneynden, mercante fiammingo che vi raccolse una straordinaria collezione d’arte. Nel 1688, per vicende dinastiche,

IMG_3207

Il corallo

A Torre del Greco, alle falde del Vesuvio, da secoli si tramanda, da padre in figlio, la nobile arte della lavorazione del corallo. Nei corsi e ricorsi della moda c’è sempre lui, il cammeo. La bellezza di un oggetto ricavato da una conchiglia, ha sempre qualcosa di caldo, di morbido come una carezza. Gli americani