L’ArcheoClub di Nola nasce nel 1975 per iniziativa del Dottor Luigi Vecchione, benemerito della cultura nolana. 

L’associazione ha finalità di carattere sociale, civile e culturale, senza fini di lucro. 

Quale gesto di amore e attaccamento verso la sua terra natia,  nel 2005 il Dottor Vecchione donò al Comune di Nola la sua biblioteca personale, consistente in circa 15000 volumi.  

Tra i libri più importanti si ritrovano quelli del Remondini (“Della nolana ecclesiastica historia”); di Ambrogio Leone (“De Nola Patria”); del Beloch (“Campanien”); del Friedlander (“Origini di Nola”).  

L’Archeoclub di Nola, in memoria di tanto illustre cittadino, ha deliberato di titolargli la sede.